News, Storie & Consigli sui nostri Software Multimediali

9 consigli per scegliere il miglior software per il montaggio video.

9 consigli per scegliere il miglior software per il montaggio video.

In vendita si trovano moltissimi programmi per il montaggio video, sia per principianti che per professionisti. All’inizio ci si può sentire spaesati. Ognuno ha diverse necessità e desideri ed anche il software più avanzato tecnologicamente non piacerà a tutti. Per questo ti aiutiamo, con 9 consigli, a scegliere il software adatto a te.

1. Usa le versioni di prova!

Sembra uno scherzo, vero? Le versioni di prova sono il migliore strumento per conoscere i workflow, le timeline e gli effetti dei diversi programmi. Provando vari software per il montaggio potrai farti un idea su quale possa soddisfare meglio le tue esigenze.

 2: Scegli il programma in base a quanta esperienza hai in materia.

Se sei ancora un principiante del montaggio video, dovresti escludere le soluzioni più professionali. I programmi con un buon workflow e funzioni comuni sono ideali per chi è pratico con le transizioni e la gestione della struttura ma non molto ferrato nella correzione del colore e gli effetti applicati agli oggetti. Troppe opzioni e diverse applicazioni possono confondere le idee nuocendo alla creatività. Questo significa che la tua scelta dovrà dipendere dal gusto personale, le proprie abilità e la complicatezza delle applicazioni.

 3: Confronta i prezzi con i prodotti concorrenti

Non solo le tue capacità in materia saranno importanti per la scelta ma anche le tue capacità economiche. È inutile provare programmi che costano più di 300 € sei il budget non super i 100 €. Non ti preoccupare. Si trovano software di buona qualità con molte opzioni ed effetti anche per 100€. Se vuoi invece prestazioni più alte allora ti consigliamo di aspettare e metter denaro da parte. Più denaro investi, più possibilità creative avrai. Ma per poter sfruttare al meglio le potenzialità di programmi di fascia più alta si deve possedere una certa esperienza nel campo.

4: Scegli un software con un workflow intuitivo

Con un workflow intuitivo non dovrai consultare continuamente il manuale risparmiando tempo. Se preferisci studiare la teoria sui manuali invece di fare prove inutili, puoi dimenticarti di questo consiglio. A tutti è capitato di impiegare molto tempo solo per caricare i media nell’Editor, togliendo tempo prezioso alla fase creativa.

Un buon Editor mette a disposizione tutti gli strumenti facilmente accessibili permettendo all’utente di trasformare rapidamente le proprie idee in videoclip.

5: La Timeline deve essere multifunzionale

Le tante funzioni presenti aspettano solo di poterti aiutare a liberare la tua creatività con un click o un touch. Non importa quanta esperienza tu abbia. Si consiglia di inserire alcuni, pochi effetti sulla Timeline.

  • Una traccia audio separata sopra la traccia video.
  • Effetti di transizione tra le clip

È anche molto importante avere informazioni di orientamento spaziale durante l’editing.

  • Frame video e spettro audio.
  • Simboli intuitivi e marker del tempo per gli effetti

Prendi in considerazione questi elementi durante la scelta dell’Editor. In questo modo il lavoro di montaggio risulterà molto più semplice.

6: Fai attenzione alle opzioni audio

Scegliendo una soluzione che possa elaborare anche file audio si può risparmiare tantissimo tempo. Questo dipende ovviamente da quanto profondamente si voglia elaborare l’audio, per esempio se si ha bisogno di tracce audio multiple. Qui di seguito alcune Opzioni da esaminare usando la versione di prova.

  • L’audio ha una propria traccia sulla timeline?
  • Posso separare le tracce audio da quelle video?
  • È possibile impostare il volume, inserire musica e file audio o minimizzare i rumori usando effetti?

7: Collega in programma di montaggio con il tuo hardware

Quale programma è più adatto alla configurazione del tuo PC? Controlla prima che il sistema possieda la configurazione minima. Evitare esperimenti! In questo modo eviterai video mossi, crash del sistema e perdita di dati.
E adesso i gadgets È importante conoscere i diversi formati per scegliere quello giusto per l´output. Alcuni gadgets hanno limitazioni o speciali setting e formati. A riguardo risulta molto utile poter adattare dal programma la frequenza e il formato dell’immagine. Se utilizzi un registratore audio esterno, avrai bisogno di un programma che lo possa integrare semplicemente nel workflow.

Considera che ogni gadget ha le proprie restrizioni e mancanze. Prendíti tutto il tempo necessario per configurare le impostazioni per la riproduzione del video. Altrimenti non otterrai la massima performance dal sistema.

8: Di cosa deve essere capace il tuo programma?

Fai video per Youtube o film amatoriali? Vuoi andare ad un festival cinematografico o vuoi solo provare la nuova TV 4K? Per fare video 3D dovrai scegliere un programma capace di crearli e elaborarli. Consulta i risultati dei test, i confronti dei prodotti concorrenti e le pagine web dei produttori.

E ricorda sempre a chi si rivolgono i tuoi video. Eye-Candies, per esempio, e molti altri effetti non piacciono a tutti gli spettatori. Vuoi inserire dei sottotitoli? Se il pubblico è soddisfatto, il lavoro sarà molto più piacevole.

 9: Upgrade

Una volta fatta esperienza e quando il programma non soddisferà più le tue esigenze, sarà necessario passare ad una versione superiore. Ci vorrà tempo per raggiungere questo stadio. D’altra parte non devi neanche perder tempo con programmi al di sotto delle tue capacità. In questo modo perdi l’occasione di esprimere al massimo la tua creatività.

Ti auguriamo un buon montaggio! Non dimenticare di provare tutti i nostri programmi di montaggio MAGIX versione di prova. Troverai quello adatto a te!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *